News

La capolista porta a 11 i punti di margine sulla Cormonese, rallentata dal Sovodnje. Ferrazzo scatenato, e il Fiumicello balza a quota 20. Farfoglia prima sbaglia, poi ci mette la pezza

 

Dodicesima giornata del campionato di Seconda categoriagirone D che si è aperto ieri con l’anticipo Terenziana Staranzano – San Canzian Begliano. La compagine di Gregoratti viene fermata sul risultato di 1-1, confermando le difficoltà, già palesate, ad esprimersi al meglio in casa. Biancorossi in vantaggio con Passaro, raggiunti nella ripresa da Matteo Aristone.
Nelle gare odierne continua la marcia inarrestabile dell’Ufm che travolge per 7-0 l’Alabarda. Nel successo dei cantierini l’impronta dell’ariete di Medea, Denis Godeas, oggi autore di una tripletta, a segno già dopo un minuto. Le altre realizzazioni portano la firma di PelosAiroldiBattaglini e Aldrigo. Con questa netta affermazione il Monfalcone sale a quota 34, a più 11 sulla Cormonese che viene fermata sullo 0-0 sul campo del Sovodnje.
Sale al terzo posto a quota 21, a pari punti con lo Staranzano, l’Audax Sanrocchese, che sconfigge nello scontro diretto per la zona playoff la Romana,  priva della punta Francesco Centrone (pesante assenza per la squadra di Novati). Rete della vittoria dell’Audax messa a segno da Marco Candutti.
Il Fiumicello sale al quinto posto in solitaria a quota 20, sconfiggendo 3-0 il Montebello; mattatore della giornata Ferrazzo che mette la firma sulla vittoria realizzando una tripletta.
In centro classifica pareggio per 0-0 nel derby triestino Breg-Roianese. Gara che nel primo tempo viene condizionata dal forte vento, dove segnaliamo una traversa di Bobbinie un’occasione sprecata da Seba Nigris per i ragazzi di Lacalamita. Nella ripresa un legno per parte, ad opera di Marinelli (Breg) e Sozio per la squadra di Melissano.
Il Campanelle, ancora in condizioni di emergenza, ma con Capuano a rinforzare il pacchetto arretrato, pareggia 1-1 in casa dell’Opicina. I ragazzi di Varljen vanno sotto al 55′, su un lancio dalla destra della formazione di Sciarrone, il biancazzurro Farfoglia, per evitare che la palla giunga ad un attaccante, appoggia il pallone indietro a Nisi di testa, ma questi non si trova in posizione per ricevere il retropassaggio del compagno e il pallone finisce in rete. Reazione del Campanelle che pareggia al 75′ su rigore calciato da Galatà. Massima punizione procurata proprio da Farfoglia, che con un imperioso stacco, sugli sviluppi di un corner, costringe un difensore a intercettare con la mano il pallone che era destinato al gol.
In coda è sempre più critica la situazione del Muglia Fortitudo, che rimane fanalino di coda a 4 punti dopo la sconfitta casalinga per 2-1 patita contro la Fortezza Gradisca. A segno per gli ospiti Savarese e Petriccione; per i rivieraschi in rete Stefano Perossa.

Andrea Bonadei

Share

Comments are closed.