News

Il portiere dell’Ufm perde l’imbattibilità dopo circa 1700 minuti, ma la rete è scaturita dalla respinta da un calcio di rigore che lo stesso estremo difensore aveva neutralizzato. In questo spazio l’audio-intervista integrale al portierone biancazzurro

 

Michele Contento, maglia numero uno dell’Ufm sicuramente sarà ricordato negli annali e nei ricordi dei tifosi come il portiere del record. Quello dell’imbattibilità che è durata 1662minuti più recuperi vari, quindi all’incirca 1700 minuti. Il sogno di continuare a mantenere inviolata la propria porta si è infranto al 21’ del secondo tempo contro il FiumicelloMorasl’autore del gol dopo il rigore parato dallo stesso portiere, rimasto in campo nonostante una botta in testa nel primo tempo che per un po’ lo ha frastornato. Qui sotto abbiamo riportato una sintesi di quello che ci ha raccontato subito dopo la gara vinta comunque per 3-1 dalla sua squadra sabato. L’audio integrale è disponibile qui sotto azionando il mouse sul video-skroll.

“Prima o poi doveva succedere di perdere l’imbattibilità, Dispiace per come è accaduto, il calcio di rigore lo avevo parato, il pallone è rimasto nella mostra area e dopo un mezzo rimpallo l’avversario è stato lesto a buttarla dentro. Il gol è arrivato sul 3-0 per noi ma la nostra vittoria è un risultato di squadra. Il mio record? So di aver fatto qualcosa che rimarrà negli annali, difficile mi ricapiti. Dopo quello dello Staranzano così così, questo dopo un rigore parato, posso dire di non aver ancora preso un gol pulito”.

Franco Poiana

Share